Re-community

Il Covid19, una quotidianità diventata improvvisamente digitale e limitata alle quattro mura domestiche, ha traslato completamente la nostra attenzione e solidarietà sul digitale. Sui Social Network dove spesso si scrive di impulso, condividiamo con altri avatar la nostra sofferenza, puntando il dito generalmente verso chi è diverso o lontano dalla nostra filter bubble. Più i giorni passano, più aumentano le crepe di una crisi sociale, orientata più al dividere che all’unire, mettendo in discussione le politiche sociali e integrazioni culturali. La comunità umana, l’identità sociale e lo sviluppo della nostra civiltà, richiedono una riformulazione che ne equilibri le differenze e consenta per queste ultime di usare sapientemente lo strumento dell’inclusione. La re-community è una comunità Italia del futuro, ripensata, riascoltata, riformulata, non più vittima degli estremismi ideologici, bensì orientata a creare una versione sostenibile e moderna della nuova immagine di civiltà del XXI secolo.
La comunità, partendo dalla sua dimensione locale, può ridare una definizione spaziale di vicinanza alle realtà più diverse, e per questo ritenute lontane. Solo le comunità possono unire ed emozionare, in antitesi antitesi del dividere e odiare, per creare una solida rete di relazioni positive che è la base della crescita sociale. Più le relazioni sono ampie, eterogenee e multiculturali più la nostra società può prosperare con il contributo di tutti.
In questo tavolo approfondiremo i concetti di comunità e di community, ci confronteremo sulle responsabilità dei rappresentanti e su quali fattori bisogna incidere per costruire una nuova civiltà italiana del futuro.

ESPERTI

Elena Zanella
Ennio Ripamonti
Anna Fasano
Cinzia Colapinto

MODERATORE

Stefano Arduini

CURATORI

Raffaella Cavallo
Marco Antonio Rizzo

Partecipa alla discussione

Rimani in aggiornamento

Iscriviti alla newsletter