Didattica dinamica

Secondo uno studio del World Economic Forum il 65% dei bambini che oggi sono nella scuola primaria “da grande” farà un lavoro che oggi non esiste nemmeno. Ridisegnare una scuola per il domani è una sfida che va affrontata ora. Anni di riforme non hanno portato i benefici sperati e c’è il bisogno urgente di ripensare una didattica che vada oltre il semplice nozionismo, ma che sia uno strumento di educazione sociale, che aiuti a far emergere i talenti di ognuno, nel rispetto dei tempi di apprendimento.

Una scuola intesa come fucina della socialità, un’ambiente dove coltivare e imparare il rapporto con gli altri, con un approccio multidisciplinare. Proviamo a scrivere le tracce di una nuova scuola che tenga conto di un domani che corre più veloce rispetto al passato e che fornisca ai nostri ragazzi utili strumenti da spendere nella loro vita da adulti. Le sfide della non-formal education. In tutto questo che ruolo hanno le comunità educanti?

ESPERTI

Dario Ianes
Michelangelo Miguel Belletti
Vincenza Pellegrino
Giulia Consalvo

MODERATORE

Gabriella Scrufani

CURATORI

Eva De Marco
Enrico Gentina

Partecipa alla discussione

Rimani in aggiornamento

Iscriviti alla newsletter